Una start-up,
con 45 anni
di storia

D-Air lab
for
safety

D-Air lab è fondata nel 2015 da Lino Dainese come start-up innovativa con l’obiettivo di individuare nuove applicazioni della tecnologia D-air®, il sofisticato airbag per la protezione della persona messo a punto da Dainese. D-Air Lab svolge attività di ricerca, sviluppo, produzione di pre-serie e assistenza all’industrializzazione di progetti interni o su commessa riguardanti la protezione e la sicurezza delle persone.
Nei suoi progetti D-Air Lab applica le sue competenze, sintetizzate nel concetto di “Vestito Intelligente”, alla protezione e sicurezza della persona in vari ambiti della vita quotidiana, che vanno dal lavoro al trasporto dei bambini, dagli anziani agli epilettici, per spingersi sino alle esplorazioni polari e spaziali.
About

1972

Lino Dainese fonda la Dainese "Tute da moto"
a Molvena (VI)

1979

la Dainese inventa e brevetta il primo paraschiena

1995

il paraschiena e le protezioni Dainese sono adottati dagli atleti di sci alpino e MTB downhill

1996

la Dainese entra nel mondo dei caschi con l’acquisizione della Mavet e introduce la “Sicurezza dalla testa ai piedi”, una visione progettuale integrata dei sistemi protettivi per il motociclista.

2000

la Dainese presenta il primo prototipo del D-air®, l’airbag per la protezione del motociclista.

2007

la Dainese acquisisce AGV, storico produttore italiano di caschi e qualche anno dopo presenta AGV Standard, un metodo che rivoluziona la progettazione dei caschi

2007

la Dainese collabora con la Prof.ssa Newman del MIT e con l’Arch. Trotti alla progettazione della Biosuit®, la tuta che pressurizza il corpo dell’astronauta senza limitarne la libertà di movimento.

2011

Lancio sul mercato internazionale del D-air®, nelle versioni Racing per la pista e Street per l’impiego stradale.

2012

a Kitzbühel, la Dainese presenta il D-air® Ski, l’airbag per gli atleti di sci alpino che sarà poi adottato della federazione austriaca, svizzera, italiana e molte altre.

2015

Nasce D-Air Lab al cui capitale partecipano Lino Dainese (75%) e Dainese Spa (25%)

2018

D-Air Lab consegna ad Enel i primi prototipi di Workair, l’airbag per la protezione dei lavoratori.

Da dove veniamo

IL PARASCHIENA
Il paraschiena nasce alla Dainese nel 1979 per proteggere i piloti di competizioni motociclistiche dai traumi alla colonna vertebrale, un problema molto rilevante messo in luce da una serie di gravi incidenti.
Il primo paraschiena progettato, brevettato e prodotto dalla Dainese è il Back Protector, una protezione dorsale ispirata alle corazze degli animali in Natura, che permette ai piloti di correre con maggior sicurezza.
Il paraschiena è oggi giunto alla sua sesta generazione ed è largamente adottato da motociclisti, piloti e atleti in tutto il mondo.

“Se tutti i motociclisti indossassero il paraschiena, vi sarebbe una riduzione delle lesioni gravi alla colonna vertebrale del 60%.”
Istituto Superiore di Sanità (Italia), 11 novembre 2014
Il paraschiena inventato da Dainese
TESTA-PIEDI
Il progetto “Sicurezza dalla testa ai piedi” è nato per far compiere all'equipaggiamento del motociclista un salto in avanti dal punto di vista della capacità protettiva, dell’ergonomia e dell’aerodinamica.

La “Sicurezza dalla testa ai piedi” è una visione progettuale in cui l’abbigliamento del motociclista non è più la semplice aggregazione di componenti concepiti separatamente, ma diventa un sistema organico, in cui ogni parte è progettata e prodotta tenendo conto dei rapporti ergonomici, funzionali e aerodinamici che la legano alle altre.

Nel quadro di questo progetto, la Dainese entra nel mondo dei caschi che inizia a progettare e produrre con l’acquisizione della Mavet.
Tuta Mugello R - il concetto testa piedi
AGV STANDARDS
AGV STANDARDS ha rivoluzionato il metodo di progettazione del casco e ha migliorato in modo misurabile e dimostrabile le sue prestazioni di ergonomia, protezione e comfort.
Uno degli aspetti più importanti di questo metodo innovativo ha visto l’inversione della logica di progettazione che, ormai da molti anni, prevedeva la progettazione “dall’esterno verso l’interno”, in un processo dove prima erano definite le forme e i volumi esterni e poi quelli dei materiali interni. AGV Standards ha invertito questa logica, costruendo il casco sulla testa dell’utilizzatore, attorno alla quale ha poi progettato i diversi componenti della stratificazione fino alla calotta esterna.
L’ analisi FEM (Analisi agli Elementi finiti), che simula al computer tutti i test d’impatto, ha consentito poi di effettuare un numero molto elevato di test, il che ha permesso di ottimizzare la struttura del casco.
Il metodo AGV Standards permette così di ottenere risultati prima ritenuti incompatibili e cioè di avere caschi più protettivi ma più leggeri, più ventilati ma più silenziosi, più confortevoli ma meno ingombranti, più ergonomici e, al tempo stesso, dotati di miglior visibilità.
About
BIOSUIT
Il lavoro sulla protezione e sull’ergonomia fatto da Dainese nello sport è stato notato dalla Prof.ssa Dava Newman (docente di astronautica al MIT di Boston) e dall’Arch. Spaziale Guillermo Trotti con i quali è iniziata una fruttuosa collaborazione per lo studio di una nuova tuta spaziale per conto del NIAC (Nasa Institute for Advanced Concepts)
Il progetto intende rendere le tute che gli astronauti impiegano per le attività extraveicolari più semplici da indossare e meno faticose nell’impiego. Le tute attuali sono infatti concepite per pressurizzare il corpo mediante aria in pressione, il che rende i movimenti difficoltosi e dispendiosi in termini di energie.
La Biosuit intende sostituire alla pressione pneumatica quella meccanica, impiegando il lavoro condotto da Arthur Iberall tra il 1950 e il 1970 e sviluppato dalla Prof. Newman, su quelle che sono state definite “lines of non extension”, ovvero linee sul corpo umano sulle quali è possibile esercitare una pressione senza per questo limitare i movimenti. Così concepita, la Biosuit®permette di rendere meno rigida e ingombrante la tuta per le attività extraveicolari, in quanto ad essa non verrebbe più richiesto di trattenere dentro di sé l’aria in pressione. Un grande miglioramento nell’ergonomia della tuta che renderebbe il lavoro degli astronauti decisamente meno faticoso.
About
D-AIR
D-air® è il progetto più ambizioso sinora realizzato da Dainese. È l’airbag per il corpo dell’uomo che ha richiesto più di 10 anni di ricerca e sviluppo per poter essere, primo in assoluto, proposto ai motociclisti e agli atleti. La prima idea nasce in seguito a due gravi incidenti accaduti nel 1996 a Roland Ratzenberger e Ulrike Maier che hanno evidenziato la necessità di proteggere il collo, una parte del corpo molto difficile da proteggere con strutture rigide. Impiegare un airbag è sembrata subito la soluzione giusta ma trasportare gli airbag dall’auto all’uomo in modo efficace e sicuro ha richiesto un lavoro durato più di 10 anni, durante i quali sia la parte pneumatica, sia quella elettronica sono stati profondamente rivisti per rispondere alle necessità specifiche dell’impiego attorno al corpo dell’uomo.
D-air® è stato il primo airbag per il motociclista ad attivazione completamente elettronica (cioè senza collegamenti fisici con la motocicletta) capace, negli incidenti più violenti, di essere completamente protettivo in soli 45 millisecondi, e di ridurre fino al 85% le forze trasmesse alla parte protetta. D-air® è oggi largamente impiegato nelle competizioni motociclistiche, dov’è divenuto in alcuni casi obbligatorio
Approfondisci
About
IL PARASCHIENA
TESTA-PIEDI
AGV STANDARDS
BIOSUIT
D-AIR

DAR

Il DAR, Dainese Archivio, racconta i 50 anni di vita della Dainese mostrando al visitatore le idee, le tecnologie, le persone, l’innovazione che hanno portato Dainese ad essere un’impresa leader del suo settore.
Da quelle esperienze D-Air Lab riparte per un nuovo viaggio del quale ha individuato le prime tappe ma la cui meta finale è ancora tutta da scoprire.

VISITA IL DAR
foresta delle tute-archivio
Campioni del mondo
LE PERSONE AL CENTRO

A D-Air Lab crediamo che siano le persone il vero motore dell’innovazione e il valore della nostra azienda: sono imprenditori, tecnici, ingegneri e designer che ogni giorno confrontano e condividono competenze ed esperienze per trovare risposte affidabili e sostenibili alle richieste di protezione del corpo umano.
È da questo valore che nascono i progetti e i prodotti che D-Air Lab propone, tenendo sempre a mente che chi li userà, prima di essere un cliente è una persona.

Team D-Air Lab
L’UTENTE AMICO

Meglio pensare al consumatore come “amico” che come “target”.
Luca De Biase

Progettare un dispositivo di protezione vuol dire promettere più sicurezza, un aspetto sempre più importante nella vita delle persone.
Per questo D-Air Lab si impegna con grande senso di responsabilità nella progettazione ed esecuzione dei suoi prodotti, pensando a chi li impiegherà proprio come ad un amico, la cui fiducia non va mai tradita.
Per D-Air Lab ciò significa rendere disponibili le sue conoscenze e le sue tecnologie tramite prodotti di qualità, che mantengono ciò che promettono e ad un costo accessibile a tutti gli amici che desiderano maggior protezione.

Our working friends

Scopri di più sui progetti di D-Air Lab