Workair

Il vestito intelligente ideato per la protezione del lavoratore dalle cadute

Workair
PROTETTI, IN
150 ms
workair
WorkAir è un Dispositivo di Protezione basato sulla tecnologia airbag dedicato ai lavoratori. Può essere usato a qualsiasi altezza assieme all'imbrago e, se utilizzato ad altezze per le quali non è previsto l'imbrago, attiva l'airbag per cadute a partire da 1,2m

Cos’è Workair

Workair applica al mondo del lavoro la tecnologia dell’airbag indossabile, nata con i sistemi sviluppati dalla Dainese per piloti e atleti nel mondo delle competizioni motociclistiche e di sci alpino, dove ha ripetutamente dimostrato la sua efficacia, al punto che l’uso dell’airbag è divenuto obbligatorio nelle competizioni di MotoGP.

Cosa protegge

Workair protegge il torace e la schiena. In un impatto, il corpo subisce forze elevatissime, WorkAir è in grado di ridurre la forza trasmessa di oltre il 50%.

Questo straordinario risultato è ottenuto grazie all’esclusiva struttura della sua parte pneumatica. Il sacco airbag è dotato di numerosi filamenti interni che collegano le due pareti e permettono così un migliore assorbimento delle forze. Una volta gonfio, inoltre, il sacco assume una forma ergonomica curvando attorno al corpo, migliorando ulteriormente le capacità protettive del dispositivo.

airbag ergonomico curvo

Scenari d'uso

WorkAir può essere utilizzato senza imbracatura nel caso in cui il lavoro sia svolto ad un’altezza alla quale non ne è previsto l’utilizzo (sotto i 2m) oppure al di sotto dell’imbracatura in caso di lavori in quota.

Nel primo caso il dispositivo protegge dagli impatti contro il terreno o contro ostacoli sottostanti il piano di lavoro e può essere indossato sopra l’abbigliamento normalmente impiegato.

Nel secondo caso (a partire dai 2m) l’impatto potrebbe avvenire a causa del pendolamento del lavoratore contro strutture sottostanti il piano di lavoro. In questo caso Workair può essere indossato sotto l’imbracatura che va comunque sempre indossata.

D-Air Lab, assieme ad esperti docenti di Medicina del Lavoro, ha effettuato una serie di test per verificare che il gonfiaggio al di sotto dell’imbracatura non eserciti una pressione eccessiva sul corpo.

airbag per lavoratori gonfio fronte e retro
WorkAir gonfio retro

ALGORITMO DI CADUTA TESTATO SUL CAMPO

Il sistema è dotato di accelerometri i cui dati vengono costantemente analizzati dall’elettronica del dispositivo che, tramite un sofisticato algoritmo progettato in collaborazione con il Politecnico di Milano, è in grado di rilevare le condizioni di caduta e attivare il gonfiaggio in 150 millisecondi.
Per lo studio dell’algoritmo sono state simulate le dinamiche di caduta di un lavoratore e sono state analizzate centinia di ore di lavoro “normale” per accertarsi di non generare falsi positivi.

algoritmo di attivazione airbag lavoratori

Come impiegarlo

WorkAir si indossa come un normale gilet, e si accende tramite la chiusura dei bottoni posti alla base del lato anteriore.

All’accensione il colore del LED (rosso, arancione o verde) indica lo stato di carica della batteria.

L’elettronica è facilmente rimovibile dal suo alloggiamento per essere ricaricata.

Ogni malfunzionamento è prontamente segnalato sia da un ripetuto lampeggio rosso del led, sia dalla vibrazione dell’elettronica.

WorkAir può essere pulito dopo aver rimosso l’elettronica, seguendo scrupolosamente le istruzioni indicate nel manuale dell’utente.

LED verde

Certificazione

WorkAir è un Dispositivo di Protezione Individuale in corso di certificazione. Tuttavia, poiché WorkAir è in assoluto il primo airbag per lavoratori, non esistono ancora norme dedicate a questo tipo di protezione. Per questo D-Air Lab collabora con un Ente Notificato di primaria importanza che ha messo a punto un disciplinare sviluppato per consentire la certificazione di questo innovativo sistema di protezione.

Per mitigare la sensazione di calore durante l’impiego alle temperature più elevate, l’interno del sacco è rivestito con un tessuto ad intercapedine che consente di migliorare il passaggio dell’aria tra il Workair e il corpo.
intercapedine workair
Workair
Collaborazione

D-Air Lab + Enel

Il progetto nasce nel 2016, dalla volontà comune di D-Air Lab ed Enel di dare una risposta alla necessità di prevedere una protezione per lavori in altezza per i quali si desiderava migliorare il livello di protezione del lavoratore.
È iniziato così il progetto WorkAir che si è sviluppato con la realizzazione di diversi prototipi verificati e testati con Enel che hanno portato all’attuale configurazione. Al progetto, inizialmente avviato dalla divisione Thermal Generation, partecipano oggi tutte le diverse divisioni della grande multinazionale italiana. Leggi il comunicato stampa
Contatta il nostro Team per avere maggiori informazioni su Workair